Il rugby aquilano fra glorioso passato e incerto presente - Dragons vs Zebre. CUS Genova vs L’Aquila Rugby. Le giovani leve del Bafile.
 
    Stai leggendo il giornale digitale di I.I.S. Bafile-Muzi su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    I.I.S. Bafile-Muzi Sport 21/04/2018 21/04

    Il rugby aquilano fra glorioso passato e incerto presente

    Dragons vs Zebre. CUS Genova vs L’Aquila Rugby. Le giovani leve del Bafile.

    Lo sport che ha fatto la storia della città.

    Abbiamo intervistato: F.Angelini, L.Fabiani, E.Cavalli, T.Caporale, A.Cappelletti Zirilli.

     

    Sabato 14 aprile scorso la Federazione Italiana Rugby ha organizzato a L’Aquila un evento sportivo di grande richiamo, ospitando nello storico stadio Fattori squadre di importanza internazionale, in due partite al cardiopalma.

    In uno stadio ricolmo di circa 6000 persone si fronteggiano il CUS Genova e L’Aquila Rugby Club, il club primo in classifica in serie A e la squadra locale. I nostri cedono alla maggior resistenza fisica dei giocatori genovesi: nonostante un primo tempo estremamente equilibrato che si conclude 28 a 21 per il CUS Genova, nella ripresa è tutt’altra musica, con L’Aquila che soccombe 47 a 26. Sola consolazione sul fine partita la meta che il capitano nero verde Carlo Cerasoli regala al pubblico.

    Poi è stata la volta dell’attesissimo confronto fra le squadre ospiti di livello internazionale, quella gallese dei Dragons e Le Zebre, franchigia italiana di alto prestigio. Con lei sono approdati al Fattori, ha sottolineato il Presidente dell’Aquila Rugby Club Fulvio Angelini, circa metà della rosa della Nazionale Italiana Rugby, fra cui l’abruzzese G.Venditti. La splendida cornice del Fattori ha portato fortuna alle Zebre; dopo un primo tempo estremamente negativo per loro conclusosi 26 a 10, hanno nel secondo tempo ribaltato la situazione portando alla vittoria straordinaria della franchigia nostrana con 34 a 32.

    Il tradizionale terzo tempo svoltosi infine fuori dallo stadio si è sviluppato in una animatissima festa protrattasi fino a tarda serata, con chioschetti di prodotti tipici aquilani, e, appena calato il sole,  festeggiamenti con molta musica e tanta gente a ballare.

    Secondo Luigi Fabiani, dirigente dell’Aquila Rugby Club, e Fulvio Angelini, intervistati durante la partita, ospitare partite di livello internazionale, come quella tra le Zebre e i Dragons, può dare nuova luce e nuovo lustro al rugby e alla nostra città. Infatti “Se il rugby è di eccellenza -dice Luigi Fabiani- il pubblico aquilano risponde”. Angelini è dello stesso parere, afferma però che “servirà una continuità e una capacità di coinvolgere la città e i tifosi non solo nei grandi eventi".

    Si spera quindi che eventi di tale portata diano fiducia alle eccellenze, che continuano a restare per ora fuori dal rugby aquilano, di cimentarsi nuovamente in esso per contribuire a restituirgli il fasto di cui ha sempre goduto in passato.

    Il rugby, da tempo immemore, è l’eccellenza per quanto riguarda lo sport aquilano. La storia dell’Aquila Rugby Club vanta infatti ben 55 presenze nella massima serie. Ad oggi però la situazione è cambiata, nessuna squadra aquilana riesce più a qualificarsi benché vi siano numerose squadre presenti sul territorio: Paganica Rugby, L’Aquila Rugby Club, Polisportiva L’Aquila Rugby, Belve Nero Verdi (femminile), Gran Sasso Rugby, per citare le più conosciute. Sarebbe importante superare le divisioni fra queste squadre per riportare il Rugby ai precedenti livelli. In effetti sembra che la Polisportiva L’Aquila Rugby sia in procinto di unirsi con altre associazioni del territorio. F.Angelini afferma che a tale scopo non è indispensabile fondere le società, è invece importante la collaborazione.

    A fronte della situazione di impasse nel rugby adulto emergono le giovani leve. Per esempio la giovanile della Polisportiva L’Aquila Rugby è nel campionato d’élite.

    Il Bafile vince il campionato studentesco 2017 a CataniaIl nostro stesso Liceo Scientifico “A.Bafile” vanta una squadra di rugby Campione d’Italia per ben 3 volte consecutive: nel 2015, 2016 e 2017. Allenati dalla professoressa Tiziana Caporale, i ragazzi della Seven Under 16 sono stati protagonisti vincenti delle finali di Parma, Fano e Catania. Prossimo appuntamento a maggio: il Trofeo Mariani, da disputare fra tutte le squadre scolastiche aquilane e compagini estere.

    Sentiamo il parere di esperti di questo sport a noi vicini, nel Liceo. Per esempio il Prof. Enrico Cavalli, che ha scritto recentemente una “Piccola Storia del rugby aquilano”, ci racconta che questo sport fu portato a L’Aquila alla fine degli anni ‘30 da “forestieri”, erano due militari di Parma e di Roma che hanno trovato ottime condizioni per far crescere il rugby nella nostra città. Nonostante i disagi della seconda guerra mondiale il rugby è rimasto nei cuori dei cittadini. La partecipazione e l’adesione dei tifosi fu così forte che la città, pur essendo piccola e di provincia, riuscì a raggiungere traguardi inimmaginabili, fino agli scudetti di serie A degli anni 1967, 1969, 1981, 1982, e alla Coppa Italia nel 1971 e 1980.

    La storia offre innumerevoli esempi da ricordare. Recentemente è stato intitolato un campo di mini rugby in località Centi Colella al celeberrimo atleta di pallovale Natalino Mariani, professore di educazione fisica per tante generazioni di aquilani negli anni ’70 e ’80, impegnato nella promozione del rugby nella scuola conseguendo diversi trofei in campo studentesco nazionale ed estero. Alla cerimonia ha preso parte anche la squadra giovanile di rugby del Bafile con la Dirigente Sabina Adacher.

    Purtroppo, il rugby aquilano non ha vissuto sempre momenti rosei, soprattutto nell’ultimo decennio la città non è riuscita più a far fronte all’impegno economico. Nonostante il progressivo declino, tifosi e giocatori sono ancora fiduciosi nelle possibilità di riqualificazione del rugby aquilano; soprattutto lo sono gli studenti della nostra scuola che quest’anno hanno raggiunto traguardi entusiasmanti, come abbiamo già ricordato, sempre capitanati da una allenatrice che nelle scuole aquilane è considerata una veterana, dopo la partecipazione a 6 campionati italiani; stiamo parlando della professoressa Tiziana Caporale.

    Nonostante la squadra dell’Aquila non sia più forte come una volta, la Prof. Tiziana Caporale e il Prof. Antonello Cappelletti Zirilli, ex giocatore ed allenatore di rugby, affermano che L’Aquila rimane conosciuta agli occhi del mondo sempre per la sua squadra di rugby, ma anche per i “molti campioncini sfornati”. Incontreranno le occasioni per fare carriera nel rugby professionale? Glielo auguriamo col cuore nero verde!

    Gabriele Ciccone, Riccardo Corazza, Riccardo Mazzitti

     

     

    di Redazione I.I.S. Bafile-Muzi


    Parole chiave:

    rugby

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi