LIFELINE - Un’altra Band fra i banchi del Liceo Bafile-Muzi
 
    Stai leggendo il giornale digitale di I.I.S. Bafile-Muzi su
    Clicca qui per leggere il giornale di un altro Istituto.

    I.I.S. Bafile-Muzi Interviste 22/05/2018 22/05

    LIFELINE

    Un’altra Band fra i banchi del Liceo Bafile-Muzi

    Aula 56 continua il Reportage sulla musica Underground aquilana a partire dai banchi di scuola del Bafile-Muzi. Sta emergendo una grande mobilità negli ambienti musicali giovanili e sommersi: formazioni che si aggregano e sciolgono, cambiano componenti, esplorano. Incontri sempre nuovi sono occasioni per scoprire possibilità musicali ulteriori.

    È il caso anche della Band di cui ci occupiamo oggi, caotica e spontanea: i Lifeline. Tra alti e bassi,  incomprensioni e riprese, sono sul campo sempre più convinti! Il loro nome ha un significato preciso, lifeline infatti significa salvagente, “la musica ci aiuta ad uscire dai momenti bui” dicono “ma in realtà abbiamo scelto questo nome perché suonava bene”. Leggerezza. E orecchio.

    Il gruppo, nato circa due anni fa, è formato attualmente da 4 componenti: Riccardo Fagnani alla batteria e canjon, Federico De Cataldo alla chitarra, Luca Bottone alla chitarra e tastiere, Giorgia Salvi, cantante. Hanno iniziato come gruppo pop moderno, mentre ora suonano preferibilmente in modalità acustica; si identificano nel genere Pop straniero ma anche nell’alternative rock e soul. Ne-yo, Arctic monkeys, Coldplay.

    Cercano di diffondere ciò che provano attraverso la musica, semplicemente interpretando le proprie emozioni con la musica per comunicarle a tutti. Come tutti gli artisti vogliono trasmettere ciò che hanno dentro. Così i contenuti sono segnati dai loro vissuti, però di certo non si soffermano esclusivamente su quelli. Suonano principalmente cover e il principale criterio di scelta dei brani è la musicalità e la adattabilità alle caratteristiche musicali del gruppo. Per quanto riguarda i temi, sicuramente non scelgono temi banali, ma neanche troppo impegnati o politici. “La musicalità attira le persone, poi certo… bisogna anche identificarsi nel testo”. Il brano che hanno suonato per noi è So sick di Ne-yo. È la storia di un uomo alla fine di una storia d'amore che decide di smettere di essere triste e piangere per lei. È stanco di pensare a lei, di tenere il calendario bloccato sul loro ultimo incontro, di ascoltare le canzoni che gliela ricordano. È stanco di tutto ciò che la riguarda, esausto di volerla ancora con lui. Stanco delle canzoni d’amore tristi e lente, ma allora “perché non riesce a spegnere la radio?”

    Insomma i Lifeline hanno una attenzione rivolta all’interiorità e all’esperienza relazionale ed amorosa. Amano suonare insieme senza arroganza. Procedono nel loro percorso senza forzare le tappe. Sono cauti ma determinati. Sono sensibili ma anche leggeri.

    La musica per loro è divertimento. L’idea di creare la band è nata come “sfoghiamoci la domenica”, non la mettono al primo posto ma la considerano molto importante. Nonostante ci siano stati dei “periodi di pausa”, hanno ricominciato ogni volta più motivati di prima e anche se non si pongono l’obiettivo del successo si impegnano e cercano di arrivare sempre più lontano. Non hanno grandi progetti poiché devono affrontare le fatiche della scuola e dell’università.  Ma non si risparmiano quando hanno l'opportunità di suonare in pubblico. L’anno scorso hanno suonato al Festival della Musica che i rappresentanti di Istituto delle scuole aquilane hanno organizzato a fine anno scolastico. Amano suonare nelle feste private, ma se si prospettano Eventi sono contenti di potersi mettere alla prova.

    Possono essere definiti un gruppo Underground per la tendenza che hanno a non voler diffondere la propria musica sui social e di non farsi tanta pubblicità, questo li lascia nel sommerso. È una loro scelta: “Vogliamo prima trovare la bellezza in quello che facciamo, dobbiamo essere convincenti per noi stessi. Se poi un giorno diventeremo gruppo emergente si vedrà. La musica per noi non deve essere un faccio la canzone e tutti la devono sentire”.

    Sentono forte l’esigenza di scrivere dei testi. Hanno iniziato a scrivere ma sono consapevoli della ricerca necessaria per raggiungere risultati apprezzabili. Comporre delle canzoni può aiutare a comunicare ed è uno stimolo di crescita per la Band; nello stesso tempo non bisogna cedere alla tentazione di pubblicare per forza testi per “fare i diversi” e piacere al pubblico. “L’Aquila è piena di cantanti e gruppi che scrivono, ma per essere credibili non bisogna scrivere per moda o per dimostrare di esserne capaci”.

    Un elemento che caratterizza la band è sicuramente la scelta della cantante donna! La sua voce ha un timbro basso e conferisce alle canzoni un tocco morbido e vellutato. In molti casi una voce femminile può aiutare, soprattutto nel genere pop leggero.

     

    Iuliana Farcas

    collaborazione di Gaia Graziani e Elena Iovannitti

    di Redazione I.I.S. Bafile-Muzi


    Parole chiave:

    band

    Condividi questo articolo





    edit

    Scrivi su Scuolalocale clear remove

    Scrivi un articolo e invialo alla redazione di un Istituto
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo

    edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    doneChiudi
    Racconta la tua esperienza Scuola-Lavoro!
    Inserisci i tuoi dati, seleziona il progetto di alternanza e racconta l'esperienza; la redazione di Scuolalocale del tuo Istituto riceverà queste informazioni e le pubblicherà su Scuolalocale.
    account_circle
    email
    local_phone
    pin_drop
    Seleziona la redazione del tuo Istituto o quella alla quale vuoi inviare il tuo articolo
    Seleziona il progetto che vuoi raccontare, non c'è? Chiedi subito al tuo tutor aziendale di inserirlo!
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    mode_edit
    Foto attach_file
    Indietro
    thumb_up

    Il tuo articolo è stato inviato alla redazione da te indicata!

    Attendi una loro risposta, grazie!

    Invia la tua Idea clear remove

    Descrivi la tua idea e inviala a Scuolalocale.
    account_circle
    pin_drop
    Seleziona il tuo Istituto

    Seleziona l'ambito della tua idea

    mode_edit

    thumb_up

    La tua idea è stato inviata a Scuolalocale!

    Grazie!

    doneChiudi
    Chiudi
    Chiudi